mercoledì 5 ottobre 2016

CHE MANGIATORE SEI?

foto di Luigi Mengato
IDEA! Da buon food blogger sopra le righe quale sono, mentre stavo leggendo un libro molto interessante che parla della terapia in cucina, mi è saltato molto all'occhio questo test che vorrei riproporvi per giocare un po' con voi.
Vi siete mai chiesti voi chi siete a tavola? 
A quale classe di mangiatori appartenete?
Siete dei Gaudenti, dei Tormentati oppure degli Indifferenti?

Forza dateci dentro e fatemi sapere.

Il test è tratto dal libro Cucinoterapia: Curare, accudire, amare se stessi e gli altri con il cibo di Roberta Schira, edizioni Salani, 2008

1. Al supermercato:


a) scegli il meglio di stagione al banco del fresco
b) stili prima una lista precisa degli acquisti
c) di solito compri qualcosa al volo dopo l'ufficio


2. Il cameriere serve un piatto fumante, presti più attenzione:

a) all'aroma che emana
b) alla quantità della portata
c) assaggi subito prima che si raffreddi


3. In vacanza:
                           
a) calibri i tuoi ritmi secondo l'umore
b) stabilisci un programma piuttosto serrato
c) trovi noiosi i percorsi turistici consigliati


4. Prepari con cura un piatto inedito ma il tuo partner non gradisce. Tu ...

a) lo inviti a cucinare qualcosa di alternativo per sé
b) ti domandi cosa avresti potuto fare di diverso
c) gli rinfacci una scarsa apertura alle novità


5. Nel mondo ci sarebbe bisogno di:

a) più coccole
b) più ordine
c) più libertà


6. Ti lasci coinvolgere di più:

a) da un rapporto solido e duraturo
b) dalle relazioni mordi-e-fuggi
c) solitamente ci metti un po' ad accenderti


7. La tua cucina è:

a) linda e personalizzata
b) è rifornita di ogni utensile
c) hai il necessario


8. Per te il sesso:

a) è un ingrediente fondamentale
b) è un condimento voluttuoso
c) è una spezia esotica


9. La tua canzone straniera preferita...

a) New York, New York interpretata da Liza Minnelli
b) We are the Champions dei Queen
c) Singing in the rain cantata da Gene Kelly


10. Di norma, come affronti la lettura di un libro sul cibo?

a) di gusto
b) di corsa
c) di straforo



A. I GAUDENTI


I Gaudenti associano il cibo a pensieri positivi e gratificanti, e considerano i pasti e lo stare a tavola strumenti per rafforzare l'amicizia, favorire la comunicazione e socializzare. Amano cucinare, visitare gastronomie fornitissime, acquistare libri di gastronomia e ricettari e, sfogliando settimanali o mensili, vanno subito a controllare le pagine dedicate al cibo. In viaggio sono quei turisti che amano scegliere mete enogastronomiche. Spendono volentieri per tutto ciò che riguarda il cibo e la cucina e sono in grado di percorrere anche decine di chilometri per un ristorante stellato. Anche nella scelta del partner considerano indispensabile condividere i piaceri della tavola. Sul lavoro rischiano ogni tanto di rallentare i ritmi, ma i Gaudenti creativi e aperti alle novità risultano infine irresistibili. Essere dei leader è la loro natura.

B. I TORMENTATI


I Tormentati sono in perenne conflitto con il cibo: mangiano troppo o troppo poco. Quasi sempre associano il cibo a pensieri di ansia e sono costantemente preoccupati di qualcosa che ha a che vedere con l'alimentazione: ingrassare, dimagrire, bruciare calorie, curarsi, eccetera. Spesso soffrono di allergie o intolleranze alimentari - vere o presunte. Anche i mangiatori di junk food sono dei Tormentati. In coppia viaggiano come sulle montagne russe: alti e bassi umorali originano momenti di intense emozioni, che vanno dalla passione più accesa alla collera.

C. GLI INDIFFERENTI 



Hai un numero alto di risposte C? Pensa a quanti soldi potrai risparmiare per cene al ristorante Di norma gli Indifferenti sono stati inappetenti da bambini e da adulti si dimenticano di mangiare, troppo presi da attività più interessanti. Ogni tanto vengono colti da un leggero stimolo e piluccano la prima cosa che viene loro a tiro senza preoccuparsi di cucinare. Esiste sempre qualcosa di meglio da fare e stare in cucina è solo tempo sprecato. Odiano gli odori pungenti di certi ingredienti e soprattutto odiano spendere soldi in vettovaglie e ristoranti. In coppia, spesso sono poco collaborativi o, al contrario, piuttosto zelanti ma con uno sforzo inconscio malcelato al partner. Tendono in generale a evitare i conflitti e, una volta costretti ad affrontarli, non sempre riescono a distaccarsene come desidererebbero. Spesso sono colti e un poco asceti. Sul lavoro finiscono spesso per abbracciare la formula del "vivi e lascia vivere", dopo una lunga gavetta emotiva costellata da qualche delusione.

Nessun commento:

Posta un commento