giovedì 12 gennaio 2017

L'AMORE FA ACQUA DA TUTTE LE PARTI: I METODI SENSORIALI AL BANCO BAR E IN CUCINA

Non siamo qua a parlare oggi delle nostre/vostre illusioni e delusioni amorose come si evince dal titolo provocatorio, bensì oggi parleremo di una cosa che potrebbe essere, in misura temporale, precedente al vostro appuntamento amoroso e agli scambi di saliva o dei vari liquidi corporei che avvengono in seguito.
Avete mai fatto l'amore con le parole? Vi siete mai chiesti se qualcosa fosse andato storto per una parola sbagliata al momento sbagliato? Credo di si...

E vi siete mai chiesti come mai, mentre cucinate il vostro piatto preferito o miscelate il vostro drink abituale questo non risulterà mai tale e quale al precedente benchè lo avrete preparato migliaia di volte? 

Quando l'amore fa acqua da tutte le parti, cari miei Marzulliani lettori e mie piccole Bridget Jones in lacrime, quando piangete per dei principi non più tanto azzurri, pensate che ogni materia che ha la capacità di reagire alle emozioni in maniera differente (compreso il nostro corpo) è fatta proprio d'acqua.

Concludendo questo sillogismo dinamico, possiamo pensare che la base di ogni piatto cucinato o di un drink appena fatto è l'acqua: essa è presente nelle verdure in grande quantità, interviene nella cottura dei nostri piatti e perchè no, anche nella costruzione dei nostri drink, attraverso l'utilizzo del ghiaccio ma non solo, che altro non è se non acqua allo stato solido.

L'acqua reagisce in maniera differente in base alle informazioni che riceve

Masaru Emoto, famoso ricercatore giapponese, ha dedicato la sua vita allo studio del comportamento dell'acqua ed ha scoperto che essa reagisce in maniera differente in base alle informazioni che riceve.
In particolare, se l'acqua riceve un'informazione positiva, come ad esempio "Ti Amo", i suoi cristalli assumeranno forme omogenee e armoniose; viceversa, se essa è sottoposta ad un'informazione negativa, come ad esempio un "Ti Odio", mostrerà cristalli con forme non omogenee,
Lo stesso scienziato lo dimostrò con il facilissimo "Esperimento dell'acqua e del Riso".


Procuratevi due vasetti di vetro e riempiteli per due terzi di acqua e per il restante terzo di riso crudo.Su uno di questi applicatevi un'etichetta con un'informazione positiva e sull'altro negativa. Conservateli al buio per circa due mesi e controllate. Alla fine noterete che il contenuto del vasetto a cui è stata applicata la info positiva rimarrà intatto mentre l'altro sarà diventato una poltiglia scura. Tutto ciò a dimostrare che, i nostri pensieri e le nostre emozioni o parole dette possono davvero influenzare la realtà.
I metodi sensoriali in cucina e al bar
Appurato dunque che l'acqua ha una memoria e che reagisce diversamente alle emozioni, ecco alcuni consigli utili per applicare al meglio questi procedimenti nei nostri locali in modo da trasferire le vostre energie positive anche nelle pietanze e nelle bevande che preparate:
Ecco un metodo simpatico e veloce per sviluppare, perchè no, un evento speciale nel vostro locale:

Giocate con le posate e con i recipienti

La sinestesia, ovvero il trasferimento di emozioni e percezioni, è un concetto di cui abbiamo già parlato in precedenza. Divertitevi dunque, per esempio, ad assaporare o a far assaporare ai vostri commensali, un formaggio sia da una forchetta che da un coltello: se presterete un attimo di attenzione noterete che il sapore cambia.
Non è magia ma è la percezione del nostro cervello che riceve impulsi differenti in base alla materia di cui è fatta la posata in questione e viceversa.

Illudete il palato cambiando il gusto alle cose


Se presentate per cena un pomodoro su un piatto, il palato già si preparerà a ricevere il gusto del pomodoro (che tutti conosciamo bene) attivando la memoria sensoriale del ricordo che preparerà le nostre papille gustative a ricevere l'aspro, polposo e erbaceo sapore dell'ortaggio.
Ma se invece quel pomodoro fosse in realtà un dessert? Come?
Create un semifreddo alle fragole, cospargetelo di gelatina rossa e dategli la forma di un pomodoro, ad esempio, conservando la reale attaccatura del pomodoro.
Il palato si illude e voi, farete gioire di stupore i vostri commensali.

Crea l'atmosfera nel locale con la Meditazione Vibrazionale a 432Hz



La Meditazione Vibrazionale è un tipo di meditazione che si rifà alle tradizioni Yoga e Buddhiste dell'unione del corpo con la natura.
E'chiamata la Frequenza della Guarigione, ovvero la frequenza in cui vibra l'Universo, fu già anticamente scoperta in passato da Giuseppe Verdi che lottò per costituire la nota musicale "Là" ad uno standard di 432Hz.
A questa cosiddetta frequenza dell'Universo, vengono attribuiti  ingenti poteri curativi: rilassamento totale del corpo, modificazione della respirazione, del battito cardiaco e del pensiero. stimolando l'equilibrio di rilassamento della mente e del corpo.

Prima di fare da bere aromatizzate il ghiaccio con un "Ti amo"

Provate, anche a scopo scenico, a far percepire al vostro ghiaccio lo stesso principio dell'esperimento dell'Acqua e del Riso.
Create due lastre di ghiaccio e prima di metterle a congelare, ponetevi due foglietti con su scritto due sensazioni opposte: un "Ti Amo" ed un "Ti Odio".

Nel frattempo fatemi sapere cosa succede... Ci vediamo alla prossima puntata!





Nessun commento:

Posta un commento